Il brand e gli influencer

9 esempi di eccellenti campagne di marketing per la moda di influencer

Martin Trauzold
Martin Trauzold
Last updated gennaio 17, 202011 Min Read

I social media sono ufficialmente uno dei metodi più utilizzati per la comunicazione, per questo il potere social di un influencer non è mai stato così forte. Ma qual è il vero impatto degli influencer su Instagram e sugli altri social? I post sponsorizzati e le storie taggate ripagano o ci sono modi migliori per dispiegare la potenza dell’influencer marketing?

Questo non vuol dire che non ci siano state campagne di grande successo basate su influencer. Per vedere il potenziale dietro l’influencer marketing, diamo uno sguardo più ravvicinato a nove delle campagne di moda basate su influencer più efficaci di sempre.

Esaminiamo nove esempi delle campagne di moda basate su influencer più riuscite di sempre per scoprirne il vero fattore di successo:

Daniel Wellington: Tempo di un cambiamento creativo

9-examples-fashion-marketing-dw-it

Daniel Wellington, una società che utilizza l’influencer marketing come unica forma di marketing, è la prova che gli influencer hanno un impatto sulle vendite. L’azienda, che produce orologi, ha costruito la propria reputazione del marchio intorno ad una struttura fissa di hashtag e una scelta accurata di influencer.

I tag regolari come #DWPickoftheDay e #DanielWellington sono alcuni dei tag legati alla moda più diffusi su Instagram. Utilizzando questi hashtag come punto di partenza, l’azienda crea regolarmente contest e sconti in post sponsorizzati dagli influencer. Il risultato? I contenuti, che coinvolgono e premiano, vengono diffusi al pubblico leale mediante fidati influencer.

Rinunciando ad altri metodi di marketing tradizionali, Daniel Wellington si presenta come un marchio rispettato dalla comunità, affidandosi ai propri prodotti per ottenere il successo. Senza scatti patinati e campagne complesse, i consumatori percepiscono il brand come un’operazione semplice con un feel autentico. Anche gli influencer che promuovono gli orologi nei loro post appaiono semplice e genuini, al contrario delle classiche foto troppo ritoccate.

Forever 21: Una nuova prospettiva

9-examples-fashion-marketing-forever21-it

Il mercato della moda femminile è già molto affollato, per questo Forever 21 ha pensato di rivolgersi ad un pubblico di social media con qualcosa di diverso rispetto ai comuni scatti fotografici. Collaborando con influencer di successo, con stili di comunicazione aperti con i propri follower, Forever 21 ha creato una serie di post che hanno cambiato le carte in tavola.

Invece di presentare la propria gamma in pose tradizionali, agli influencer è stato chiesto di creare contenuti legati alla fase di prova dei capi. Il feedback su ciò che stava bene e quello che andava migliorato era ben accetto ed è stato pubblicato senza censura.

Con questo semplice tentativo di creare un’immagine genuina sulla successiva collezione, Forever 21 è riuscita non solo a mostrare la propria linea, ma anche a creare l’atmosfera familiare di una sorta di “shopping con le amiche”. La ciliegina sulla torta di questi video è arrivata quando gli influencer hanno scelto di acquistare i capi che avevano provato.

Dopo aver ascoltato un feedback sincero sui capi che non hanno convinto, ai consumatori è stata offerta una prospettiva su quali vestiti gli influencer indosserebbero davvero nella vita di tutti i giorni.

Zara: Condividere il comando

9-examples-fashion-marketing-zara-it

Durante la campagna #iamdenim, la boutique Zara ha scelto alcuni rinomati influencer di moda per mostrare i propri articoli in un modo stilizzato, ma accessibile. Uno dei modi più efficaci è stato il ricorso ai post “fai da te di Instagram” in collaborazione con influencer come Teesh Rosa. Lasciando agli influencer la possibilità di creare contenuti diretti sui suoi capi, Zara è riuscita a veicolare il messaggio che il suo denim è pensato per persone vere, comuni. Presentare i jeans e le giacche in denim tramite influencer di fama, ma mettendo l’accento sull’accessibilità dei prezzi, ha garantito il successo della campagna.

Grazie a questa campagna, Zara ha ottenuto 4,6 milioni di nuovi follower in un periodo di otto mesi. Questo è un vero ROI!

Lululemon: Esercitare l’autenticità

9-examples-fashion-marketing-lululemon-it

I consumatori diventano sempre più consapevoli in termini di autenticità del marchio. Nonostante la pletora di app di editing delle foto sui social media, il pubblico riconosce il messaggio di un marchio che appare sincero e focalizzato. Per questo motivo, Lululemon ha colto la necessità di cambiare direzione e diventare meno pretenzioso e più accessibile.

Nel corso degli ultimi due anni, le piattaforme di social media del marchio sono passate da scatti altamente concettuali dei propri leggings e abbigliamento sportivo a presentare l’immagine di tutti i giorni dei clienti reali. Ad esempio, giocare nella neve o riposarsi tra sessioni di yoga, i contenuti sono ora molto più orientati ai clienti. Inoltre, gli influencer scelti per rappresentare il marchio non sono più i classici modelli di Instagram. Al contrario, il marchio ha scelto di lavorare con rappresentati conosciuti del mondo del wellness e fitness e persino con alcuni atletici olimpici.

La continua crescita del brand al livello internazionale e in nuove grandi città di tutto il mondo dimostra il successo di questa strategia.

Dr. Martens: Divertimento assicurato in negozio

9-examples-fashion-marketing-dm-uk

Dedicarsi alla community è qualcosa che molti marchi dicono di fare, ma Dr. Marten è andato ben oltre. Nell’iconico negozio di Camden, il marchio britannico ha provato a creare un’esperienza di shopping diversa per i clienti più fedeli.

Concerti in negozio, taglio di capelli gratuito e anche artisti tatuatori per personalizzare gli stivali sono solo alcuni degli aspetti della recente iniziativa. Dove segue questi eventi il grande pubblico?

Ovviamente sul profilo Instagram di Dr. Martens, cresciuto fino a 2,5 milioni di follower in conseguenza ai live stream specializzati e ai contenuti con sessioni fai da te. Come ha affermato Darren Campbell, il responsabile dei prodotti, “Oggi il commercio è un sottoprodotto dell’engagemnet.”

Swoon for Monsoon: Una vibrazione di lusso accessibile

9-examples-fashion-marketing-monsoon-it

I siti come ManRepeller e NET-A-PORTER sono una vetrina perfetta per le etichette di alta moda e le relazioni con gli influencer. Swoon for Monsoon può essere aggiunta a questa lista, dimostrando che questa nuova miscela di contenuti editoriali ed e-commerce non deve limitarsi ai marchi di lusso.

Con un sito e un magazine digitale disponibile sia su telefono che su tablet, Swoon for Monsoon è la rappresentazione perfetta dei contenuti curati da influencer che infondono nuova vita ad un marchio di moda.

#CastMeMarc: La svolta con la semplicità

9-examples-fashion-marketing-CastMeMarc-uk

Approfittando dei vantaggi visivi di Instagram, il design Marc Jacobs ha avviato la campagna #CastMeMarc per trovare volti per la nuova stagione. Grazie alla sua presenza sui media e al suo ruolo di stilista, questo è un ottimo esempio di un influencer che rappresenta il proprio marchio, invece di promuovere quello degli altri.

Semplicemente chiedendo ad aspiranti modelli di taggare le proprie foto con #CastMeMarc la campagna si è allargata a macchia d’olio ed è riuscita nell’intento di trovare nuovi volti per la successiva stagione di moda. L’altro risultato positivo è stato creare un vero senso di coinvolgimento e azione tra i fan di Marc Jacobs. #CastMeMarc è stata anche nominata come Campagna dell’anno da Marketing Week.

THINX: Il branding oculato

9-examples-fashion-marketing-thinx-it

THINX è una società che disegna intimo a prova di mestruazioni e ha radici filantropiche. Le fasi iniziali di ricerca di un’azienda si sono svolte dopo che Miki Agrawal ha scoperto che milioni di ragazze in tutto il mondo non avevano i mezzi per gestire le loro cose.

Non c’è da stupirsi, quindi, che un’azienda inclusiva, con un pensiero innovativo, abbia ideato lo slogan “For People With Periods.” Tralasciando stucchevoli dibattiti su chi interessa il problema, THINX ha creato una campagna che attira l’interesse di gruppi minoritari fino a grandi media come Buzzfeed. Anche l’attrice e influencer Ilana Glazer è stata coinvolta e ha preso parte alla loro successiva campagna del 2019.

Yeezy: Incrementare la reputazione

9-examples-fashion-marketing-yeezy

Quando è coinvolto Kanye West, attirare l’attenzione su un prodotto non è tutta questa difficoltà. Tuttavia, creare la reputazione di un marchio prima ancora di lanciarlo potrebbe essere una sfida non da poco. Ecco perché Yeezy Boost, la collaborazione tra Adidas e Kanye West è un esempio interessante di influencer marketing.

Uno degli obiettivi principali del lancio del prodotto era quello di far sì che le persone comprendessero l’esclusività delle scarpe. Quindi piuttosto che spedire scatole e scatole ad ogni singolo influencer, il brand ha scelto con attenzione un ristretto numero di persone che potessero rappresentare le proprie calzature.

Il risultato finale? Il successo. La lista di attesa per le sneaker è stata interminabile, una volta che i clienti hanno compreso che non si trattava di scarpe Adidas ordinarie. Inoltre, la reputazione esclusiva, di alta fascia, delle scarpe ha fatto sì che molti degli influencer, che sono riusciti ad accaparrarsele, lo abbiano fatto senza alcuna remunerazione.

Fashion Influencer e Marketing: ne vale la pena?

Ovviamente, ci sono diversi modi per coinvolgere gli influencer di moda affinché supportino il tuo marchio. Sebbene i post sponsorizzati standard siano sempre efficaci, il loro impatto sta diventando sempre più prevedibile man mano che il social media marketing cresce. Per avere un successo imprevisto è necessario distinguersi.
Sii creativo con la scelta degli influencer, della strategia e, come in Yeezy Boost, persino su come non utilizzare gli influencer.

Trai ispirazione dai successi di queste campagne e mettiti all’opera!

Contents
Loading...