La guida definitiva dell’affiliate marketing per blogger

I blog sono un’utile porta di accesso all’affiliate marketing con il potenziale di ottenere ottimi posizionamenti organici nei motori di ricerca.

Il blogger vanta un pubblico reattivo che si fida della sua opinione, quando questo consiglia un prodotto o un servizio. Tale pubblico avrà maggiori probabilità di cliccare su un link alla pagina del venditore. Si tratta di un modo semplice ed efficiente per trarre vantaggio diretto dai propri contenuti. Semplicemente diffondendo la voce di un prodotto o articolo sponsorizzato, i blogger sono ricompensati da conversioni di vendita e un maggiore traffico sul sito.

Diamo uno sguardo ravvicinato per comprendere come l’affiliate marketing può risultare adatto al tuo caso e alla tua attività di blogging e/o social media.

Prima cosa: Cos’è l’affiliate marketing?

L’affiliate marketing consiste nel raccomandare prodotti o servizi specifici ad un pubblico, con l’obiettivo di generare vendite e ottenere una commissione dalla transazione. I quattro partecipanti di questo processo sono:

  • il sito web di affiliazione
  • la rete di affiliazione
  • il promotore
  • il consumatore

Come funziona?

L’affiliate marketing funziona condividendo il carico di lavoro del marketing dei prodotti tra diverse parti. L’81% dei marchi e l’84% degli editorilavora con l’affiliate marketing, inclusi i blog. Traendo vantaggio dal pubblico esistente di un blogger e dal know-how dei proprietari di marchi, creare un contenuto commerciale intorno ad un prodotto o un servizio è semplice.

Inoltre, poiché il carico di lavoro è suddiviso, ogni partecipante ha diritto ad una quota di profitto (o commissione). Le tre parti principali coinvolte sono il venditore/creatore di prodotti, il blogger/affiliato e, ovviamente, i consumatori.

1. Venditore e creatore di prodotti.

Il venditore può assumere diverse forme, ma essenzialmente è la parte che ha bisogno della commercializzazione di un prodotto. Il ruolo è fondamentalmente lo stesso, sia per il creatore, il commercialmente, l’imprenditore individuale o la grande azienda. Spingendo un prodotto o un servizio sul mercato, il venditore o il creatore di prodotti contribuisce alla gamma di prodotti che gli affiliati possono scegliere di rappresentare.

2. L’affiliato

Si tratta di una persona singola o talvolta un’azienda che crea contenuti commerciali relativi ad un prodotto o servizio. L’affiliato lavora per convincere i consumatori del valore e dei vantaggi di un prodotto, mettendolo in evidenza in modo accattivante. In caso di successo, il consumatore cliccherà sul link e acquisterà il prodotto, che quindi genererà una parte di profitto per l’affiliato.

Un enorme vantaggio del marketing di affiliazione è la presenza di un pubblico di nicchia per cui l’affiliato solitamente sceglie prodotti in linea con gli interessi di tale pubblico. Le connessioni tra il contenuto e gli articoli consigliati non solo migliorano il brand personale, bensì garantiscono che il pubblico sia predisposto a cliccare su promozioni o prodotti.

3. Il consumatore.

I consumatori diventano sempre più consapevoli del potere dei propri acquisti, grazie al fatto che l’affiliate marketing è sempre più noto. Per gli influencer e i blogger con follower leali, questi spesso acquistano attivamente tramite i link di affiliazione per mostrare il proprio supporto o lealtà al marchio.

Quando un consumatore acquista un prodotto consigliato, i profitti sono suddivisi tra il venditore e l’affiliato. Alcuni affiliati sono totalmente trasparenti con il proprio pubblico e indicano chiaramente che ricevono una commissione dalle vendite generate. Spesso è possibile che il consumatore non sia consapevole di partecipare al processo di affiliate marketing.

Solitamente non ci sono costi extra se il consumatore è consapevole di acquistare all’interno di un contesto di affiliazione o meno. La commissione dell’affiliato è invece inclusa nel prezzo di vendita. Il consumatore riceverà il prodotto come in assenza di marketing di affiliazione.

Come puoi ottenere dei profitti?

L’affiliate marketing sta diventando noto come fonte di guadagno a costo zero e per la creazione di contenuti senza dover affrontare le difficoltà di sviluppare un prodotto da sé. Tuttavia, sebbene l’affiliate marketing possa essere una rapida fonte di reddito, è importante prima capire come guadagnare realmente dal processo di affiliazione.

Come può un blogger guadagnare da un clic su un link in una pagina e dall’acquisto di qualcun altro? Innanzitutto non è necessario che i consumatori acquistino effettivamente qualcosa affinché l’affiliato possa ottenere una commissione. Ci sono diversi modi in cui i risultati dell’affiliato vengono valutati e remunerati.

Pay per sale.

Questo è il contesto di affiliate marketing più tipico. In questa modalità, il venditore/creatore paga all’affiliato una percentuale di profitto dopo che il consumatore ha seguito i link del promotore e ha acquistato il prodotto. In breve, una vendita deve essere effettuata prima che l’affiliato riceva un guadagno.

Pay per lead.

Questo sistema è un po’ meno comune, forse per via della sua struttura meno diretta. Pay per lead significa che l’affiliato riceve un pagamento sulla base della conversione del lead dal proprio sito. In questa situazione, ai consumatori viene richiesto di completare un’azione specifica sul sito del commerciante, piuttosto che solo cliccare e acquistare un prodotto. In questo caso, ai clienti potrebbe essere richiesto di iscriversi ad una newsletter o scaricare un particolare programma o file.

Pay per click.

Invece di guidare un consumatore nell’acquisto di un prodotto specifico su una piattaforma di shopping come Amazon, il pay per clic ricompensa gli affiliati per l’indirizzamento dei consumatori verso il sito del proprio brand. L’affiliato deve produrre contenuto che sia sufficientemente interessante da indurre il consumatore ad aprire il sito del venditore, aumentando così il suo traffico web.

Potenziale di mercato: Affiliate marketing in Italia e in Europa

L’Europa è un mercato altamente segmentato con una grande varietà di lingue e valute, per questo è importante ricordare che la rete di affiliazioneche scegli abbia una base solida nei mercati regionali su cui desideri puntare. Se hai dubbi o stai valutando più mercati, scegli un programma di affiliazione con basi solide e una portata internazionale.

I prodotti di consumo cui mirano i blogger sono solitamente nel settore degli utensili, libri, giocattoli e articoli domestici come i trucchi. Amazon vanta la rete di affiliazione più grande di questo mercato. La sua popolarità in Europa e in Italia può essere attribuita certamente alla grande varietà di prodotti disponibili. Gli affiliati possono promuovere qualsiasi articolo venduto sulla piattaforma.

Analisi delle commissioni di affiliazione

Tabella delle commissioni di affiliazione

Numerosi programma di affiliate marketing utilizzano uno schema di commissioni. Un ottimo esempio è l’attuale modello di Amazon. Esso utilizza commissioni fisse per determinate categorie di prodotti. Il programma è ancora in evoluzione, ma riportiamo alcuni esempidi come funziona al momento:

  • 3,0% per i giocattoli per bambini
  • 4,0% per i tablet di Amazon e i Kindle
  • 4,5% per i prodotti per la cura personale e i neonati
  • 6,0% per i prodotti di bellezza e gli strumenti musicali
  • 7,0% per l’abbigliamento e gli accessori o i dispositivi con marchio Amazon, come TV o Echo

Salvo diversamente specificato, la maggior parte delle categorie Amazon offre una commissione del 4%, ad eccezione delle carte regalo o alcuni marchi di alcolici.

Struttura delle commissioni

Un parametro in comune per le commissioni è la struttura delle commissioni sulla base del volume. Maggiore è il numero dei prodotti venduti tramite il link di affiliazione, superiore sarà l’importo guadagnato. Dopo aver venduto prodotti a sufficienza da raggiungere un’altra commissione pubblicitaria, il turno di vendite successivo ti permetterà di accedere ad un nuovo tasso di commissione.

Si prosegue così per i diversi scaglioni di commissioni. È importante ricordare, tuttavia, che alcuni prodotti non rientrano in questo programma.

Come iniziare con l’affiliate marketing per il tuo blog?

Iniziare e trovare i partner con cui collaborare in realtà non è particolarmente complicato. Pensa ad alcuni prodotti o marchi che adori. Logicamente, se sei un grande fan di questi prodotti, è probabile che anche il tuo pubblico ne sia interessato.

Segui questi 4 semplici passi:

  1. Trova alcuni prodotti relativi al tuo blog o al tuo campo di interesse. Probabilmente utilizzi già regolarmente alcuni articoli o servizi, perché non scrivere una recensione o parlarne su una piattaforma pubblica?
  2. Inizia a registrare i tuoi visitatori con il modulo degli iscritti. Resterai in contatto con il tuo pubblico, quando avrai un nuovo articolo o contenuto. Senza una notifica, potrebbero perdersi i tuoi articoli e le tue recensioni non raggiungeranno il pubblico cui fanno riferimento.
  3. Valuta l’utilizzo di strumenti come i webinar per creare nuove vendite ed espandere la tua base di consumatori. Le collaborazioni a pagamento sono un modo eccellente per creare un riconoscimento in un nuovo pubblico.
  4. Quando il tuo affiliate marketing avrà iniziato a rendere, può essere una buona idee far crescere le vendite ricorrendo alla pubblicità pay-per-clic.

Un altro modo per integrare il tuo affiliate marketing nella tua presenza online è l’uso dei social media. Piuttosto che affidarsi ai risultati di ricerca per indirizzare i visitatori verso il tuo contenuto e, di conseguenza, i tuoi link di affiliazione, condividi i link direttamente su piattaforme come Facebook e YouTube. Tuttavia è importante restare aggiornati con le linee guida per la condivisione sui social, poiché reti come Pinterest non permettono i link di affiliazione.

Trova partner di affiliazione

Il modo più semplice di mettersi in collegamento con prodotti o rivenditori con cui vorresti collaborare è andare sulla pagina Amazon e registrarsi come affiliato Amazon. Inoltre, puoi fare una rapida ricerca online del “programma di affiliazione (del marchio)” per trovare altre possibilità di collaborazione con i rivenditori.

Dopo aver eseguito la registrazione del programma di affiliazione, ti basterà:

  • Trovare i prodotti su Amazon che preferisci, copiare i loro link dalla toolbar in un foglio di lavoro.
  • Rivedere i tuoi contenuti esistenti. Individuare dove ha senso inserire un prodotto, quindi semplicemente aggiungere il link
  • Una volta che le vendite hanno raggiunto i €10, puoi scegliere di essere pagato tramite bonifico bancario o tramite carta regalo Amazon.

Cerchi ispirazione? Guarda i blog del tuo settore e scopri come lavorano nel campo dell’affiliazione. Se stanno utilizzando link a pagamento verso altri prodotti, puoi identificarli dalla long tail “/ref…” che si trova al termine del link normale.

Come funzionano i link di affiliazione?

I link di affiliazione ti portano al prodotto pubblicizzato, tuttavia, allo stesso momento sul browser e sul dispositivo che stai utilizzando vengono salvate delle informazioni. Queste indicano il percorso che ti ha portato alla pagina dell’articolo e comunicano al rivenditore che hai seguito il consiglio di un blogger. A seconda della struttura di pagamento, la tua attività sul sito del rivenditore può tecnicamente generare guadagni per il blogger.

In breve, i link di affiliazione vengono utilizzati per valutare la fonte delle vendite e aiutare il rivenditore a identificare quale dei clienti ha trovato i suoi prodotti tramite i blogger.

Tipi di link di affiliazione – Qual è la scelta migliore?

Ci sono diversi modiper inserire i link nel proprio blog. Il metodo più utilizzato è semplicemente includere il link di testo negli articoli di blog standard. Se stai scrivendo un articolo su un prodotto o un servizio che desideri promuovere, includi i link in ogni menzione del prodotto. È importante anche notare che i siti dei rivenditori possono presentare durate di cookie diverse. Alcuni rivenditori concedono l’accredito di vendite da 30 a 90 giorni dal clic.

Altri modi di includere link di testo comprendono le newsletter. Una volta creato un elenco di iscritti agli aggiornamenti tramite email, puoi includere i link di affiliazione all’interno delle tue newsletter. È importante stabilire un programma regolare e non esagerare con queste email. È piuttosto semplice per gli iscritti contrassegnare come spam le email nel momento in cui ritengono di ricevere informazioni non necessarie.

Per i contenuti video, aggiungere link è abbastanza facile all’interno delle descrizioni dei video, aggiungendo popup o anche sovrapposizioni di testo. I contenuti video sono un modo decisamente efficace per parlare di un prodotto, poiché chi visualizza ha un’idea migliore di come interagisci con l’articolo e possono vederlo in azione.

Un altro tipo di link diffuso è il banner pubblicitario. Alcuni programmi come quello di Amazon offrono un codice da inserire nel codice della pagina. Invece di essere collocato nell’articolo del blog, questo link si trova nell’intestazione o nel più di pagina. Questo formato è il più indicato per le occasioni speciali come le vendite nelle festività nazionali. Una volta che chi visualizza clicca su questo banner, passa alla pagina Amazon di questo articolo e tu riceverai una commissione, se questi acquisterà l’articolo.

Se parli di una serie di prodotti invece che di un singolo articolo, potrebbe avere senso inserire un link più generico. Ad esempio, se inserisci il link ad una pagina Amazon in cui vi è un elenco della gamma prodotti, inserisci la “Site Stripe di affiliazione” nel tuo testo. Si tratta di una pagina esclusiva che elenca tutte le tue raccomandazioni personalizzate.

Come creare i link di affiliazione?

Il modo più diretto di creare un link è andare alla pagina del prodotto, cliccare sull’URL e copiare il link al termine del codice prodotto. Aggiungi il tuo ID affiliato all’URL.

In pratica il risultato sarà il seguente: www.amazon.co.uk/gp/product/1234567/your-affiliate-ID.

Ora devi solo copiare questo link e inserirlo come link di testo nel tuo contenuto. Ricontrolla sempre che il link funzioni, una volta pubblicato l’articolo.

Se stai lavorando con un link banner, il codice HTML fornito dall’affiliato viene inserito facilmente utilizzando l’editore HTML della tua piattaforma di blogging.

Per gli affiliati che lavorano con Amazon, ci sono 3 modi specificiper integrare i link di affiliazione nel contenuto:

  • SiteStripe: questa toolbar compare a tutti gli affiliati Amazon all’interno della pagina del negozio di Amazon. Crea e seleziona l’HTML dei link di testo, delle immagini del prodotto o direttamente della pagina prodotto Amazon. Ora puoi condividere i tuoi link direttamente senza dover visitare il Centro di affiliazione.
  • Widget: mostra sezioni come “I miei preferiti” o anche una barra di ricerca che consente ai visitatori di navigare direttamente in Amazon. Inoltre otterrai una commissione per tutti gli ordini idonei, quindi ti basta trovare il widget più adatto alla tua pagina e incollarlo nel layout.
  • Plugin Amazon Associates Link Builder: questo plugin pensato per WordPress ti permette di aggiungere prodotti al tuo sito web in diversi modi. Puoi cercare e aggiungere prodotti Amazon specifici nel tuo contenuto dalla pagina dell’editor e i tuoi visitatori visualizzeranno informazioni in tempo reale sui prezzi e sulla disponibilità dei prodotti.

È importante notare che Google e gli altri motori di ricerca preferiscono che tu includa un tag “no follow” nei link di affiliazione. Diversamente, questo potrebbe portare a posizionamenti fuorvianti nei risultati di ricerca, poiché i rapporti a pagamento possono influire sui risultati organici.

Cos’è la tracciatura dei link?

Trattandosi di un contesto basato sulle prestazioni, l’affiliate marketing conta sull’efficienza delle vendite e sul traffico web che può essere attribuito a ciascuna parte. Tutte le attività del sito, come le vendite, il click-through e le altre conversioni sono tracciate mediante l’uso di software specifico. In questo modo il rivenditore può valutare quale affiliato ha generato la vendita e quale ha bisogno di alcune migliorie.

Vi è una vasta gamma di software di tracciatura sul mercato, ma alcune reti di affiliazione utilizzano programmi propri. Amazon è un esempio. Proprio come per i software, anche gli stili dei metodi di tracciatura spesso variano.

  1. I cookiesono probabilmente il metodo di tracciatura più diffuso e conosciuto per le reti di affiliazione. Salvando un cookie sul browser e sul computer, i siti di vendita possono identificare le origini del consumatore e se hanno visitato la pagina in precedenza. Finché il cookie resta attivo, all’affiliato saranno attribuite eventuali acquisti effettuati dal consumatore durante questo periodo.
  2. La tracciatura delle impronte digitaliè meno comune. Creando una firma digitale dal dispositivo terminale, le informazioni sul sistema operativo, la lingua e gli altri dettagli possono essere utilizzati per identificare i visitatori della pagina. Questa firma salvata consente anche di identificare gli utenti quando rivisitano la pagina con lo stesso browser e dispositivo.

Conclusioni

Se hai un blog e un pubblico, hai una base di consumatori pronti. L’integrazione dell’affiliate marketing nel tuo lavoro è un modo economico per integrare nell’e-commerce. Con la nostra guida definitiva all’affiliate marketing hai ora tutti gli strumenti di cui hai bisogno per iniziare questa transizione.

Coloro che si sentono pronti, ma non sono sicuri di quale piattaforma utilizza, il Programma Affiliazione di Amazon è semplice da utilizzare ed efficace nella conversione del pubblico in consumatori. Se continui a lavorare all’interno della nicchia e delinei una strategia di affiliate marketing, puoi trasformare il tuo pubblico in acquirenti.

Perché non iniziare il tuo viaggio nell’affiliate marketing proprio oggi?

« »