Parte 24: Attira i tuoi primi visitatori

Parte 24: Attira i tuoi primi visitatori

Il case study di Enda McLarnon si conclude con alcuni consigli su come incoraggiare traffico verso il tuo sito

Scoprirai:

  • I diversi tipi di traffico
  • Come utilizzare diversi canali per promuovere il tuo sito
  • Come accrescere l’autorità del proprio sito

Ora che il tuo sito è operativo, è tempo di pensare a come incoraggiare gli utenti a farlo visitare. I marketer di Internet chiamano i visitatori “traffico”. Con questo termine indicano semplicemente il numero di visitatori che arrivano al tuo sito web. Quando un sito web viene lanciato per la prima volta, nessuno lo conosce. Nel corso del tempo, tuttavia, i motori di ricerca iniziano a indicizzarlo e a posizionarlo nei risultati di ricerca.

Andrà nella prima pagina di Google? No!

Non così velocemente o facilmente. Credimi quando dico che può essere davvero molto difficile. Hai dedicato ore al tuo sito web, lo hai reso il più bello possibile, hai scritto grandi contenuti e hai anche comprato un dominio, l’hosting e forse anche un tema. Cos’altro resta da fare? Hai un buon sito web che nessuno conosce. Non guadagnerai commissioni da Amazon e inizierai a rivalutare il tuo lavoro.

“Sapevo che non avrebbe funzionato,” “È stata solo una perdita di tempo”, e così via. Centinaia di persone gettano la spugna in questa fase. Scrivo su molti forum per marketer del Programma di Affiliazione Amazon e questo avviene regolarmente: creano siti web su tagliaerba, aspirapolvere, orologi, fitness e qualsivoglia altro argomento, ma non funzionano. Eppure una volta che inizi a scavare nella montagna di lamentele, ecco cosa scopri:

  • Non si sono posti degli obiettivi da perseguire
  • Hanno postato sette o otto articoli, ma hanno scoperto che richiede molto lavoro, più di quanto avessero previsto
  • Si sono convinti che ora è il momento di attirare visitatori
  • Il loro contenuto era troppo breve e non di alta qualità
  • Non hanno fornito valore al visitatore
  • Non vi erano link interni o esterni
  • Niente è stato ottimizzato
  • I loro siti web erano coperti di link e annunci
  • Si sono lasciati distrarre da qualcos’altro che sembrava più semplice e hanno semplicemente abbandonato la nave

Potrei andare avanti all’infinito con quella che chiamo la lista delle scuse, perché in tutta onestà è quello che sono. La buona notizia è che non deve andare necessariamente così!

Traffico organico o naturale

Iniziamo con la definizione di traffico “organico” o “naturale”. Il traffico organico è il migliore che si possa auspicare, perché è gratuito: le persone che sono alla ricerca di qualcosa sul tuo argomento troveranno il tuo sito web e inizieranno a leggere il tuo lavoro. Pertanto questo traffico è giunto al tuo sito web dopo che Google e gli altri motori di ricerca hanno trovato il tuo contenuto e hanno iniziato a posizionarlo nei propri elenchi. Solitamente sono necessari dai sei ai nove mesi. Un sito web ha bisogno di tempo per formare la propria “autorità” nei motori di ricerca e ci sono molti fattori che contribuiscono a questo.

La chiave per migliorare questa autorità è continuare ad aggiungere contenuto al tuo sito web. All’inizio del case study, ti ho chiesto di scrivere 20 articoli.Dovresti aver postato 10 di quegli articoli per lanciare il sito web. Quindi ora dovresti avere 10 articoli in attesa di pubblicazione. Pubblicali uno alla volta nel corso delle settimane successive. Potresti pubblicarne uno al giorno per 10 giorni o uno ogni due giorni. Inoltre dovresti scriverne altri, in modo da avere sempre contenuto in attesa di pubblicazione.

Più articoli aggiungi al tuo sito web su base regolare, più possibilità hai che il tuo sito web sia classificato più rapidamente. Perciò inizia con 20 articoli per il tuo sito, poi 30, 40 e così via. Ecco perché all’inizio del processo ti ho consigliato di scegliere un argomento con molto potenziale di contenuto su cui scrivere.

Pubblica regolarmente

La chiave è pubblicare quanto più regolarmente possibile. Scrivere uno o due articoli a settimana per i primi tre mesi è un modo eccellente per migliorare il proprio posizionamento e aumentare l’attenzione. Se riuscissi a pubblicare un articolo al giorno, in tre mesi avresti oltre 100 articoli: un traguardo straordinario. Questa dovrebbe essere la tua priorità numero uno, dato che più contenuto hai, migliore sarà il tuo sito web. Migliore è il tuo sito, più possibilità hai di essere trovato per più parole chiave, di essere classificato e guadagnare più commissioni.

In verità non si finisce mai di pubblicare contenuto. Ma una volta che hai 100 articoli, puoi ridurre l’attività a pubblicare un articolo a settimana. Dipende da quanto lavoro dedichi alla produzione e alla pubblicazione del contenuto. Tanto più, tanto meglio!

Altri metodo per attirare traffico

Ci sono molti altri metodi per portare visitatori al tuo sito web:

  • Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Google+
  • Post di ospiti
  • Forum
  • Marketing degli articoli
  • Commenti sui blog
  • Comunicati stampa
  • LinkedIn

Questo elenco non è esaustivo, ci sono molte più opportunità di attrazione del traffico verso il tuo sito web. La buona notizia è che tutti questi metodi sono gratuiti, ma richiedono tempo per essere preparati e realizzati. Come menzionato in precedenza, all’inizio avrai pochi o nessun visitatore. Avrai sentito il detto “Costruiscilo e loro verranno”, ma non è il caso di un nuovo sito web.
Costruiscilo in modo adeguato e i visitatori potrebbero arrivare sarebbe un modo più appropriato per descrivere il processo.

Ecco perché è una buona idea, specialmente nelle prime settimane dal lancio del sito web, utilizzare altri metodi per attirare traffico verso il tuo sito web. Un modo più semplice di pensare a queste attività è concepirle come attività di promozione. In altre parole, fai sapere alla gente potenzialmente interessata al tuo argomento, che hai un bellissimo nuovo sito web che potrebbe aiutarli molto.

Il pericolo, con così tanti potenziali metodi di attrazione del traffico, è provare a seguirli tutti. All’inizio l’ho fatto anche io e ho scoperto che è una totale perdita di tempo. Ogni metodo riportato sopra funziona molto bene se sai come utilizzarlo correttamente. Ci vuole tempo per imparare e tempo per farlo bene. Un’idea molto migliore è scegliere un metodo, impararlo bene, lavorarci e passare al successivo. Per la maggior parte dei siti web ci sono tre metodi che consiglio:

  • YouTube
  • Facebook
  • Google+

È semplice creare una pagina per ciascuno di questi network. Potrai così pubblicare informazioni su ognuno di essi e inserire backlink per il tuo sito web.

Canale YouTube

L’uso dei video è a tua discrezione. Questo argomento divide molto. Il punto è che se non crei video per il tuo sito web potresti sottovalutare due aspetti fondamentali.

  1. I tuoi video portano molto traffico
  2. Creare video propri aumenta la credibilità, fa bene al sito e sono utilissimi ai tuoi visitatori

Alcune persone indugiano nella creazione di video per una serie di motivazioni. Non vogliono utilizzare la propria voce, mostrare la propria faccia, non hanno gli strumenti adeguati, non sanno come farlo e in generale temono di fare questo passo. Milioni di persone caricano ogni giorno video su YouTube, Vimeo e molti altri siti web di video. Alcuni utilizzano le migliori apparecchiature, ma la maggior parte sono fatti con semplici smartphone e pubblicati.

Se decidi che i video non fanno per te, allora stai perdendo molto potenziale traffico. Ti consiglio vivamente di provarci. Un video può essere realizzato in molti modi diversi. Cerca online, scopri come farlo e inizia a pubblicare sul tuo canale YouTube gratuitamente. Tutto ciò di cui hai bisogno per creare un canale è un indirizzo Gmail gratuito e avrai un eccellente strumento di marketing. Quando configuri un canale YouTube si crea automaticamente una pagina Google My Business (Google+). Di seguito il link al canale YouTube www.youtube.com/channel/UCgtxPjn3_wFt_exvi4enb8w che ho creato per questo case study.

 Pagina Facebook

È una buona idea creare un pagina Facebook per il proprio sito web. Questa è quella che ho fatto per il sito web The Perfect Grind www.facebook.com/The-Perfect-Grind-931015486985945/. Una volta ottenuti 25 mi piace sulla pagina, puoi creare un cosiddetto “Facebook URL”. Si tratta di un URL più semplice da ricordare. Personalmente scelgo sempre questo URL dopo i miei primi 25 mi piace. L’URL è simile a quello riportato sopra, ma senza i numeri.

Uso “theperfectgrind”, se è disponibile, altrimenti provo con qualcosa di molto simile. Molte persone utilizzano Facebook e le pagine o i gruppi per avere informazioni su un argomento. Se ti trovano lì, potrai ottenere clic per il tuo sito web. Quando crei una pagina, condividila con gli amici su Facebook per ottenere rapidamente 25 mi piace. Quindi imposta l’URL e quando posti un articolo sul tuo sito web, copia il link sulla tua pagina Facebook con un piccolo commento. Ciò consente di ottenere traffico iniziale e iniziare a portare visitatori al tuo sito web.

Pagina Google+

Con il tuo account gratuito Gmail puoi configurare una pagina di Google+, equivalente a quella di Facebook. Anche questo rappresenta un modo veloce per creare un grande strumento di marketing. Tutto quello che devi fare quando pubblichi un articolo sul tuo sito web è condividerlo sulla tua pagina Google+. Questi post vengono indicizzati molto rapidamente e consentono nel tempo di convogliare molto traffico verso il tuo sito web. Ecco un link alla mia pagina Google+: plus.google.com/+TheperfectgrindUkcoffee

Altri metodi di traffico

Come anticipato, ci sono molti altri modi per portare traffico al tuo sito web. Non rientra negli obiettivi di questo case study affrontare tutti i metodi nel dettaglio. I tre menzionati sembrano funzionare meglio per me. In definitiva tutti i metodi impiegati inizieranno prima o poi a funzionare e ad attrarre visitatori, vendite e commissioni. Quindi non desistere, il processo sarà sempre più facile.

Conclusioni

  • Crea una semplice pagina di Facebook
  • Crea una pagina Google+
  • Crea un canale YouTube

Scrivi un buon articolo e applica tutte le regole sugli articoli che ho esposto nel mio case study. Quindi condividi l’articolo sulla tua pagina Facebook e Google+. Consiglio di creare video e di integrarli nel tuo sito web e condividerli su Facebook e Google+.Dovresti inoltre condividere gli articoli che hai già pubblicato e creare dei backlink verso di essi.

Inoltre conviene sempre condividere il contenuto degli altri utenti sulla propria pagina Facebook e Google, solo per creare varietà. Aggiungere un video, anche un’immagine semplice, consente di accrescere l’autorità delle proprie pagine social. Poi inizia ad aggiungere altre fonti di traffico come Twitter o Pinterest e continua a costruire la tua attività sui social in questo modo.

« »